Recensione Eat Beat Deadspike-san – Nintendo Switch

Publisher: Arc System Works
Sviluppatore: Arc System Works
Engine: Proprietario
Lingua: Inglese
Genere: Rhythmic games
Giocatori: 1
PEGI:
Link: https://www.nintendo.it/Giochi/Giochi-scaricabili-per-Nintendo-Switch/Don-t-Die-Mr-Robot–1372816.html
Extra:

Sviluppato e pubblicato da Arc System Works Eat Beat Deadspike-san per Nintendo Switch è un rhythmic games a metà tra Guitar Hero e Rock band e Patapon.

Doppiamo dirlo subito. Sin dai primi momenti di gioco ci siamo innamorati proprio perché amiamo il genere, altrimenti credo lo avremmo odiato con tutti i bit e byte a disposizione.

Per chi non è avezzo ai personaggi possiamo confermare che Eat Beat Deadspike-san contempla come personaggi i protagonisti in duo della serie BlazBlue, come Deadspike-san e Ragna, Ouroboros eHazama, Nirvana e Carl. A dispetto della differenzazione dell’aspetto giocare con uno o altro personaggio non aggiunge o toglie nulla al gameplay, che riamne invariato. E’ solo una questione estetica, pensata per dare un attimo di differenza e per dare a chi è fan della serie l’oppurtunità di scegliere il proprio protagonista preferito.

Per giocare sarà sufficiente premere i tasti dorsali [L] e [R] seguendo lo schema proposto dal gioco. Talvolta sarà necessario tenere premuto il tasto per qualche secondo talvolta invece dovrete premere freneticamente i due tasti suddetti in maniera frenetica come si faceva in sala giochi con il gioco delle olimpiadi Track and field. Questo gameplay è indifferente anche in base alla difficoltà in cui vorrete affrontare ogni canzone tra facile,  normale e difficile da sperimentale sulle 20 canzoni disponibili. Se avete giocato a Patapon su PSP troverete il gameplay molto familiare, anche se qui non bisogna tenere il ritmo ma solamente premere nel corretto timing il tasto evidenziato.Vi assicuriamo che già nella modalità facile il gioco presenta le sue difficoltà sopratutto quando la sequenza è ravvicinata e compulsiva ad esempio [L][L][R][R][L][R] o combinazioni simili effettuate in velocità vi assicuriamo che danno i loro grattacapi nel tenere il ritmo. Effettuando le corrette mosse mano a mano che si prosegue con il livello, il giocatore avrà modo di caricare la barra chiamata overdrive. Questa non è altro che un bonus aggiuntivo che permette di guadagnare semplicemente più punti e di rimanere immune agli sbagli per un breve periodo.

Tornando al gameplay, tanto per rendere l’idea della difficoltà in base alla difficoltà scelta, la vicinanza delle lettere e la frequanza delle stesse varia. Inutile dire che prima di giocare alla modalità più difficile dovrete fare un minimo di esperienza anche perchè non premere un tasto o premere quello sbagliato provoca una diminuzione dell’energia (rappresentata dal cuore in alto a sinistra) che se giunge a zero porta al game over.

Graficamente vi troverete davanti ad uno schermo con fondali differenti in base al livello/canzone con una velocità di scorrimento decisamente elevata. Sarete talmente presi nel guardare la successione che apaprirà per essere pronti a premere [L] o [R] o entrambi, che noterete poco o quasi tutti gli elementi in movimento del fondale.

Dal punto di vista del sonoro, come scritto sono presenti 20 canzoni dalle più placide alle più movimentate.

 

https://www.youtube.com/watch?v=d9w2N9YPD8E