Recensione Whispering Willows – Nintendo Switch

Publisher: Akupara Games
Sviluppatore: Night Light Interactive
Engine: Unity
Lingua: Italiano
Genere: Avventura / Azione
Giocatori: 1
PEGI:
Link: https://www.nintendo.it/Giochi/Giochi-scaricabili-per-Nintendo-Switch/Whispering-Willows-1440147.html
Versione: 1.1.0
Extra:

Whispering Willows arriva anche su Nintendo Switch dopo avere visto una release iniziale nel 2014 sulla OUYA, console “nata” grazie all campagna kickstarter (si ne abbiamo una anche noi) ma naufragata nel dimenticatoio a causa di numerosi problemi primo fra tutto il pad di scarsa fattura.

Quando ci è stato dato il codice per riscattare ai fini di review Whispering Willows per Nintendo Switch avevavo scritto alla PR che eravamo un po’ oberati di giochi e quindi non sapevamo quando saremmo riusciti a pubblicare la recensione. Questo prima di iniziare a giocare perché poi siamo stati letteralmente presi dall’atmosfera e dalla voglia di scoprire qualcosa in più sulla protagonista Elena, trovare il padre della protagonista e mettere luce sui misteri della casa. Difatti il padre dopo avere accettatodi  lavorare come custode nella tenuta dei Willow, scompare nel nulla e sarà compito della figlia Elena scoprire l’arcano, ricorrendo anche al proprio spirito, questo richiamabile in qualsiasi momento. Questo è a tutti gli effetti un’entità spettrale in grado di passare attraverso piccole fessure, interagire con altri spiriti di personaggi morti o presenti nelle varie location (casa, serra, giardino) e ovviamente interagire con gli elementi dell’ambiente come ad esempio degli interuttori. Affinché le location dove Elena può interagire e liberare la sua anima siano riconosciute, la protagonista indossa un medaglione in grado di rilevare queste presenze: quando questo pulserà con un bagliore azzurro, vorrà significare che si potrà liberare lo spirito e quindi interagire con altri spiriti presenti o meccanismi. Questo è assolutamente necessario per proseguire visto che dialogare con gli spiriti permettere di conoscere dove andare a recuperare il prossimo indizio.

Il gameplay del gioco come avrete intuito consiste nel girovagare per le varie location, aprire porte (sempre se si è in possesso della giusta chiave), trovare oggetti e ricordarsi dove sono i personaggi e o le stanze. Questo perché il gioco non presenta una mappa, quindi consigliamo vivamente di tracciare su un classico foglio di carta una mappa, soprattutto quando vi troverete a passeggiare per il giardino, dove vi è un vero e proprio labirinto immerso nel verde.

Graficamente anche se il gioco è stato creato quattro anni fa, il comparto visivo si difende più che egregiamente. Testi a video in italiano. La maggior parte del gioco vedrà la protagonosta camminare placidamente, quasi goffamente, tranne iin situazioni di pericolo dove la stessa potrà correre a perdifiato. Non che avrete modo di vederla spesso correre ma ce ne sarà occasione.