Recensione Clock Simulator – Nintendo Switch

Publisher: Kool2Play
Sviluppatore: Kool2Play
Engine: Unity
Lingua: Inglese
Genere: Arcade
Giocatori: 1
PEGI:
Link: https://www.nintendo.it/Giochi/Giochi-scaricabili-per-Nintendo-Switch/Clock-Simulator-1493596.html
Versione: 1.0.0
Extra:

Kool2Play rilascia per Nintendo Switch un gioco alquanto strano, se confrontato a quelli disponibili dal nome Clock Simulator. Non è un rhythm game ma se non avete il senso del tempo… sarete spacciati.

Se non siete musicisti oppure non avete il senso del tempo lasciate stare. Questo perché in Clock Simulator il tempo è tutto in quanto dovrete misurarvi con la vostra capacità di sapere tenere il ritmo, senza l’aiuto della musica o di nessun altro riferimento. Sarete praticamente un metronomo umano con il compito di tenere il tempo e far avanzare le lancette di secondo in secondo. Facile? Assolutamente no.

Come avrete capito, anche dalla grafica minimalista il gameplay è ridotto all’osso e in tutti gli stage dovrete semplicemente tenere il tempo. Se pensate che sia un compito facile sbagliate, perché se all’inizio potrete anche azzeccare il corretto tempo, ripetere l’operazione di cliccare il tasto per far scandire il tempo per più di dieci secondi risulterà una sfida ardua, visto che si tratta di tenere i secondi e come potrete immaginare sbagliare il tempo anche solo di un “battito” andrà a precludere tutto il resto. Indipendentemente che usiate i tasti o il touch screen.

Questo perché Clock Simulator richiede molta pazienza e anche una certa calma per essere giocato. Se siete nervosi o avete l’adrenalina addosso non andrete tanto avanti rispetto alle undici modalità di gioco differenti , con ambientzione e grafica differente anche se poi il gameplay consiste sempre nel tenere il tempo… da solo. Perché seppure siano presenti due modalità multiplayer, il titolo è decisamente single player .

A dire la verità vi sono anche momenti in cui sarà necessario premere un tasto particolare, sempre tenendo il tempo, ma è poca cosa.

Graficamente tutto è minimalista e si adatta bene al tipo di gioco, anche perrché non distrae il giocatore. Vi confessiamo che il più delle volte abbiamo tenuto gli occhi chiusi per essere meno influenzati dall’ambiente e più rilassati.