Tutte le ultime novità su Elite Dangerous

Il GDC è il luogo della tecnologia e delle ultime novità, ma tra pixel e risoluzioni a volte ci buttano dentro notizie bomba, come quella di Elite: Dangerous confermato su Xbox One entro l’estate 2015. Poi a seguire su PS4. Ed un bel trailer da parte di Frontier ovviamente:

I giocatori PC devono essere felici di questo annuncio, per una serie di motivi che indicherò qui di seguito. Innanzitutto Frontier ha la possibilità di vendere più copie grazie all’ottimo rapporto con Microsoft, che pubblicizzerà sicuramente l’uscita e spingerà molti acquirenti verso Elite. Banalmente questo significa più risorse per lo sviluppo di un titolo che, sebbene suddiviso in istanze, resta pur sempre un MMO spaziale senza canone mensile. I più attenti lo sapranno già, ma Elite: Dangerous ha in programma almeno 3 espansioni a pagamento, che porteranno il gioco su un nuovo livello, ovvero la possibilità di visitare i pianeti atterrando su di essi, la possibilità di passeggiare liberamente sulla propria nave spaziale, senza tacere degli abbordaggi nei confronti di NPC e altri giocatori persi nello Spazio infinito. Frontier su Elite ha investito tantissimo e vuole investire ancora di più nei prossimi anni, per questa ragione ha necessità di vendere su più piattaforme possibili.

In termini pratici, le meccaniche di Elite sono belle che rodate, non c’è quindi nessun pericolo di avere un gioco “dumbed down” per via del PAD, nessuna false parity tra le periferiche quindi, il gioco funziona meglio con l’hotas e così rimarrà. Lo sviluppo su Xbox One farà condividere l’universo sterminato a più giocatori, che condivideranno il Galnet (il sistema narrativo messo su da Frontier) e la galassia, con tutti i community goal. Ma i due giochi rimarranno separati, niente cross play onde evitare che le certificazioni previste su console ritardino le patch sulla versione PC.

Una win win situation quindi, e presto uscirà dalla beta anche il wing update e si avranno più notizie sulla terza major patch prevista per quest’anno. Il futuro è roseo e Frontier non ha intenzione di rallentare.