Rain Games annuncia Teslagrad per PlayStation Vita

Come da titolo, Rain Games ha annunciato l’imminente disponibilità di Teslagrad per PlayStation Vita, per l’estate del 2014.

teslagrad_screens_psblog_1280_wide_010

Com’è andato il lavoro di porting, Fredrik?
Fredrik: La prima sorpresa nel vedere Teslagrad su PS Vita è stata capire quanto abbiamo lavorato in modo non convenzionale. In particolare, quanto siamo riusciti a ridurre l’uso della memoria per riuscire a far girare il tutto. Il touchscreen simula il puntatore di un mouse, e fin qui tutto normale… mentre i tasti simulano un joystick. Quando abbiamo aggiornato Unity e l’SDK di PS Vita all’ultima versione, tutti gli shader erano compatibili!

Tuttavia, il lavoro di adattamento riserva sempre delle sorprese…
Fredrik: Quasi tutte le schede video per PC supportano una specie di “standard shading” a livello hardware, che ha un aspetto piatto e banale. Fa sembrare l’ambiente un gioco 3D delle prime console compatibili con tale tecnologia. Le console attuali non supportano la cosa a livello hardware, perciò gli shader devono essere scritti come piccoli “programmi” indipendenti dagli standard.

Al momento stiamo lavorando sulla riduzione dei tempi di caricamento in background, che si notano di più sulle console rispetto al PC. Ciò può essere correlato all’architettura del sistema, ma anche alle capacità della CPU. In questo senso, stiamo ottimizzando l’utilizzo del processore il più possibile. Ho provato a creare un framework per veicolare i processi di elaborazione in canali alternativi. Unity non ha un framework per questo genere di lavoro, perciò ne sto scrivendo uno di mio pugno. Questo ci permette di trarre vantaggio da architetture multicore. Il primo candidato che collauderà il nostro framework sarà il calcolo del magnetismo.

teslagrad_screens_psblog_1280_wide_002

Perché PlayStation Vita è il sistema giusto per il porting di Teslagrad?
Fredrik: fortunatamente, l’hardware di PS Vita rende tutto più facile. Non che sia impossibile portare il gioco su altri sistemi, ma è semplicemente un lavoro molto più gravoso. Credo che qui la chiave sia il supporto nativo per Unity. Parliamo, per esempio, di texture e animazioni. Il personaggio principale usa circa 15 texture diverse a seconda dell’equipaggiamento che sta trasportando. E tre o quattro di queste sono usate contemporaneamente.

Per esempio, la tuta dispone della propria serie di texture perché ha bisogno di essere animata. Siccome abbiamo deciso di supportare le vecchie schede grafiche, ci siamo sbarazzati di mappe e texture superiori a 2048×2048… il che contribuisce al numero di mappe che possiamo utilizzare davvero. Uno dei motivi per cui usiamo così tanti pixel per tutto è la limitata disponibilità di geometria 3D per plasmare l’ambiente di gioco. Fa parte del nostro processo produttivo.

teslagrad_screens_psblog_1280_wide_003

Quindi il ruolo di Unity è cruciale?
Fredrik: Gli sforzi di Sony per ottenere una propria versione di Unity ci hanno reso la vita più semplice. Nella lavorazione del porting su PS Vita abbiamo dovuto ridurre e ottimizzare il tutto per la nuova versione del gioco. Riguardo all’hardware di PS Vita, ringrazio che ci siano 512 MB di memoria su tale sistema. La nostra sfida principale potrebbe essere con i 256 MB di PS3.

teslagrad_screens_psblog_1280_wide_006

Puoi darci un’anteprima delle nuove funzionalità per la versione PS Vita?
Fredrik: La mappa potrebbe avere una componente “touch”. La risoluzione dello schermo su PSVita non è così esigente come su PC, il che ci permette di applicare una maggiore compressione senza influenzare l’esperienza di gioco. Avere Teslagrad tra le mani è un’esperienza più tattile rispetto a quella per PC. Ed è fantastica.

teslagrad_screens_psblog_1280_wide_007

teslagrad_screens_psblog_1280_wide_008

Sito ufficiale: http://teslagrad.com