myplay.it utilizza i cookies per facilitare e ottimizzare la navigazione sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookies. X
Torna all'home page di myplay.it
-->

Worlds of Magic

 
Pubblicata il
di Marco Antonio D'Arrigo

La “golden age" del mercato PC è rappresentata dal ritorno in auge di generi caratteristici per personal computer, con un’invasione di avventure grafiche, giochi di ruolo e di strategia a turni. In quest’ultimo campo, abbiamo avuto la possibilità di toccare con mano ottimi giochi come Fallen Enchantress, Endless Legend, per non tacere anche di Age Of Wonders 3 finito tra i goty di myplay.it. I giocatori vecchio stampo ricordano ancora con estremo piacere le nottate passate con Master of Magic, gioco che più di ogni altro ha caratterizzato quel sottogenere di fantasy gestionale, rimasto ancora a distanza di anni senza un degno sostituto. Sia Fallen Enchantress, AoW3 e Endless Legend hanno seguito una strada diversa, accogliendo con gioia le novità “esagonali" introdotte da Civilization; Worlds of Magic invece ha messo in chiaro le cose fin dalla riuscita campagna kickstarter, con il punto esclamativo: volete un’esperienza classica in tutto e per tutto con tonnellate di magie da utilizzare? Bussate alla nostra porta, è il posto giusto per voi.



Iniziamo con una informazione di servizio: Worlds of Magic è in pieno sviluppo ed è possibile acquistarlo in early access su steam. Come è facilmente intuibile dall’introduzione, si tratta di uno strategico a turni di stampo fantasy prettamente classico, un 4X con combattimenti su caselle quadrate, scelta opinabile che caratterizza e imprime un determinato tono al gioco, ma a parere di chi scrive dagli esagoni non si torna più indietro. Dal menù di gioco è possibile affrontare subito una partita single player, una hot seat che equivale al multiplayer locale, oppure buttarsi nelle arene per saggiare subito la parte tattica del gioco. Fin dalle prime battute si può vedere l’impegno di Wastelands nell’inserire in Worlds of Magic un gran quantitativo di contenuti. 5 i reami di partenza per la vostra partita, con la possibilità di scegliere ovviamente la dimensione, la conformazione territoriale e la percentuale di terra emersa; 6 le fazioni tra cui scegliere, mentre 11 sono i Sorcerer Lord selezionabili al momento, oltre alla possibilità di crearne uno ex novo con i parametri a scelta del giocatore. Nel gioco finale sono previste 8 razze, oltre 400 magie da lanciare, 15 lords e 40 campioni. Sul fronte tecnico il gioco invece è ampiamente migliorabile, soprattutto sul fronte delle animazioni durante i combattimenti.



Un 4X si vede sulla lunga distanza, sulla capacità di impegnare il giocatore in modo diverso con partite che obbligano a diversi approcci e decisioni: da questo punto di vista Worlds Of Magic è ancora un work in progress, una patch è stata appena rilasciata sul management delle unità. I cambiamenti sono in atto di giorno in giorno e il coinvolgimento della comunità, nonché la richiesta di feedback, è imponente. L’attenzione del team nel riuscire a produrre il miglior erede di MoM è tangibile, in un settore al momento saturo come quello dei 4X fantasy in cui non è per niente facile emergere. Sulla parte tattica ci sarà molto da discutere, ma la decisione è stata presa e indietro non si torna. Pagherà in termine di feeling positivo coi nostalgici? Staremo a vedere. Ciò nonostante crediamo che le sue carte Worlds of Magic se le giocherà sui contenuti (già notevoli) e sulla parte prettamente strategica.

Link Steam: http://store.steampowered.com/app/265970




Pubblicità
Canale Facebook
Canale Twitter

Canale Youtube
Altri Eventi